Birre Tedesche non Pastorizzate

Birre: le etichette Tedesche e le Schönbuch

 

Frate su etichettaUna delle icone più popolari e frequentemente scelte per rappresentare una buona birra Tedesca è la figura di un Monaco felice e pacioso rappresentato nel gesto di sollevare o bere un boccale di birra.

Infatti i Tedeschi associano la figura dei Monaci alla buona birra … come si nota nelle etichette della Franziskaner – Kloster – Kapuziner – Malteser – Mönchshof  – Alpirsbacher – ecc.

Il motivo di tale associazione nasce nel Medioevo quando il consumo di acqua era quasi nullo in quanto non igenico a causa dello sversamento diretto delle acque reflue nei corsi d’acqua, questo costrinse le popolazioni a produrre birra per igenizzare il fabbisogno giornaliero di liquidi.

La gente comune non aveva disponibilità economiche sufficienti all’acquisto di  materie prime di qualità e nemmeno la cultura necessaria per capire l’utilità, nè le capacità, di pulire ed igenizzare le attrezzature utilizzate per la produzione della birra e neppure le capacità per affinare le relative ricette.

Trasporti Schönbuch 1940-50

Trasporti Schönbuch 1940-50

I Monaci, specialmente i Benedettini, con la loro regola dell’autosufficenza e ospitalità, furono i veri cultori di una produzione birraia in continuo miglioramento.

Un miglioramento che riguardava l’aspetto qualitativo delle materie prime, igenico delle attrezzature e della conservazione e gustativo affinando le ricette per birre piacevolmente bevibili.

Le birre prodotte dai Monasteri, migliorate dall’introduzione del luppolo come conservante, furono quindi igenicamente fondamentali per la salute pubblica dei bambini, delle madri, degli ammalati ed in genere di tutta la popolazione.

Tecnologia Schönbuch 1940-50

Tecnologia Schönbuch 1940-50

Le birre divennero inoltre merce di scambio come sistema di pagamento dei Monasteri per ottenere servizi, materie prime e pagare le tasse.

Per millenni i Monaci affinarono le loro birre permettendoci oggi di godere di prodotti di alta qualità, ecco perché la loro reputazione di mastri birrai è cosi’ alta.

In Italia come negli Stati Uniti il fenomeno dei microbirrifici è relativamente recente quindi la concezione grafica delle etichette tende a cercare di differenziare il prodotto da quelle dei grandi marchi commerciali.

hefeweizen-hellLa grafica delle etichette spazia dalla modernità piu’ fantasiosa a richiami della tradizione non legati direttamente alla birra, ma piuttosto al territorio dove vengono prodotte.

In Germania invece i birrifici regionali ricchi di esperienza non sentono questa necessità di differenziarsi dai grandi marchi commerciali, quindi gli elementi e le  iconografie della tradizione legati alla produzione o al consumo della birra sono prevalenti o comunque si fondono con il look moderno delle etichette.BeerCap_Yes_New

Nelle etichette SCHÖNBUCH infatti, la concezione moderna dell’etichetta con linee
pulite e chiare non abbandona l’icona tradizionale dello scudetto con al suo interno un cacciatore con fucile, nell’intento di bere un boccale di birra.

horst-hell10537254_842045632495610_6919934034305976617_oQuesta tradizionale icona rappresenta i cacciatori (Jäger) che nel passato popolavano la vicina foresta “Schönbuch”, diventando la rappresentazione della buona tradizione birraria, evidenziata in modo particolare nelle etichette delle birre Natalizie “Weihnachtsbier” ed di quella a lunga maturazione “Horst Hell”.

Share this post
  , , , ,


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This